Candida femminile

Candida femminile

12 Dicembre 2017 0 Di Dieffe

La candida femminile è pericolosa? Quali sono le sue cause e come possiamo curarla?

Dopo avervi parlato di cosa sia la candida (o candidosi) e cosa comporta questa nei maschi (leggi qui), ci addentriamo invece nella candida femminile.

Cos’è la candida nella donna

La candida rientra in quel genere di infezione chiamata vaginite micotica.

il 15% delle donne in età riproduttiva ha contratto almeno una volta la candida

Ulteriori fonti: Sidemast/Governo

Si tratta appunto di un’infezione trasmessa da alcuni lieviti (chiamati anche miceti), che si riproducono come funghi popolando sempre più la vagina.

La candida è la più diffusa e frequente infezione intima femminile.

Questa rientra tra le infezioni sessualmente trasmesse che colpisce almeno una volta nella vita il 70% delle donne in età fertile e il 20% delle donne in gravidanza e può interessare anche gli uomini.

Le donne che ne sono affette, lamentano spesso prurito intenso e perdite vaginali molto dense e fastidiose.

Il problema più grande della candida però, non è tanto la difficoltà nella cura (in verità molto semplice, salvo alcuni casi), ma la recidività.

E’ infatti risaputo che questa infezione sia tendenzialmente recidiva, anche dopo la prima guarigione, soprattutto per due motivi:

  • la resistenza delle spore ai medicinali: Questi infatti non scompaiono, vivendo da sempre sul nostro corpo e saranno sempre pronte a presentarsi quando il corpo e le sue difese immunitarie glielo permetteranno;
  • La trasmissione sessuale: Purtroppo la candida può passare da un corpo all’altro, e quindi anche su quelli dei maschi.

Cause della candida nella donna

Tra le cause maggiori di sviluppo della candida nella donna troviamo:

  • Scarsa igiene;
  • Difese immunitarie poco “funzionanti”;
  • Alimentazione ricca di zuccheri, carboidrati e lieviti.

Altre cause secondarie:

  • terapie antibiotiche;
  • AIDS;
  • diabete;
  • tumori;
  • forte stress.

Ma possiamo trovare anche altre cause che “alimentano” il proliferare dei batteri:

  • rapporti sessuali intensi che possono alterare il ph;
  • indumenti intimi in tessuti sintetici o troppo aderenti;
  • auto-contaminazione della mucosa vaginale da parte di residui fecali;
  • malattie infiammatorie dell’intestino (come ad esempio la sindrome del colon irritabile).

Curare la candida nelle donne

Innanzitutto, quando credi di aver contratto la candida, devi assolutamente rivolgerti a un medico ginecologo o dermatologo, che stabiliranno se si tratta appunto di questa infezione e nel caso, decidere la terapia farmacologica adatta.

Qualora si accertasse l’infezione, la terapia da seguire è a base antimicotica (per via topica o orale), che bloccherà l’ulteriore moltiplicazione del fungo.

  • Metodo locale: attraverso la somministrazione di ovulicreme lavande;
  • Metodo orale: Compresse.

Come già spiegato, la terapia non annullerà il fungo in quanto si tratta anche di un agente paradossalmente importante per il funzionamento del nostro organismo, ma ne limiterà solo la funzione.

La candida durante la gravidanza

Un piccolo capitolo deve essere aperto anche per chi contrae la candida durante la gravidanza:

Diciamo subito che una candida contratta in gravidanza, non costituisce nel modo più assoluto pericolo per il feto, tuttavia va curata, perché i disturbi possono diventare davvero fastidiosi e si rischia che il al momento del parto il bambino, al passaggio per via vaginale, contragga l’infezione.

Summary
adult-1822498_960_720
Article Name
Candida femminile
Description
La candida femminile è pericolosa? Quali sono le sue cause e come possiamo curarla?
Author
Publisher Name
Oghers
Publisher Logo