Carie dentali, scopriamo i sintomi

Che sono le cavità o carie?

Una cavità chiamata anche carie è un foro che si forma nel dente, all’inizio sono di piccole dimensioni ma man mano se non curate diventano gradualmente più grandi. Le carie non causano dolore all’inizio per questo può essere difficile rendersi conto della loro presenza.

Le carie sono alcuni dei problemi di salute più comuni al mondo e chiunque abbia i denti può svilupparle compresi i bambini, per evitare di sviluppare una caria senza esserne a conoscenza è consigliato prendere appuntamenti dal dentista con regolare frequenza.

Ci sono alcuni modi per trattare le carie e prevenirne la loro formazione però prima scopriamo i suoi sintomi.

I sintomi delle cavità dei denti

I sintomi di una caria dipendono dalla gravità del decadimento, dall’estensione e dalla posizione della lesione. Inizialmente non si avverte nessun sintomo e nessun dolore infatti per questo motivo è consigliato prendere regolari appuntamenti con il proprio dentista così da tenere sempre sotto controllo la salute dei nostri denti.

I sintomi cominciano ad avvertirsi quando le carie cominciano ad espandersi e ad attaccare lo smalto dei denti provocando i seguenti sintomi:

  • Sensibilità dei denti quando si mangiano cibi caldi o freddi;
  • Mal di denti;
  • Un buco visibile tra i denti;
  • Macchia nera o bianca sui denti.

Bisogna fare attenzione a non sottovalutare questi sintomi perché se non trattate le carie possono portare a complicazioni ben più gravi come gengivite, ascesso dentale, granuloma dentale, cisti dentarie, pulpite e piorrea.

Ora passiamo a vedere le cause che provocano le carie.

Cause delle carie dentali

Le carie dei denti sono causate dalla placca una sostanza appiccicosa che si lega ai denti essa è una combinazione di:

  • Batteri;
  • Saliva;
  • Acido;
  • Particelle di cibo.

Dopo aver mangiato o bevuto cibi con presenza di zucchero in bocca si formano i batteri che trasformano lo zucchero in acido. Subito dopo aver mangiato cibi zuccherati inizia a formarsi sui denti la placca per questo è molto importante lavarsi i denti e spazzolarli bene dopo ogni pasto.

La placca si attacca ai denti e l’acido presente in essa può erodere lentamente lo smalto dei denti. Lo smalto è un rivestimento duro e protettivo presente sui denti che serve per proteggere dalla carie e man mano che lo smalto dei denti si indebolisce aumenta il rischio di decadimento.

I fattori di rischio che possono provocare la formazione di carie includono:

  • Mangiare troppi cibi e bere troppe bevande zuccherate e con presenza di acidi;
  • Non avere una regolare igiene orale come mancare di spazzolare o usare il filo interdentale ogni giorno;
  • Non avere abbastanza fluoro;
  • Bocca asciutta;
  • Disturbi alimentari come l’anoressia e la bulimia;
  • Malattia da reflusso acido che può causare acido gastrico che consuma lo smalto dei denti.

Le carie si sviluppano più spesso nei denti posteriori questo perché essi hanno scanalature e aperture che possono intrappolare le particelle di cibo, inoltre durante la loro pulizia sono più difficili da raggiungere con lo spazzolino e il filo interdentale.

Vediamo come trattare le carie dentali.

Trattamento delle carie dentali

In caso di sintomi come la sensibilità o il dolore dei denti è consigliato informare il proprio dentista che può identificare la carie dopo un controllo orale, tuttavia alcune carie non sono visibili tramite un controllo orale quindi il dentista può usare una radiografia dentale per cercare la decomposizione.

Le opzioni di trattamento dipendono dalla gravità esistono diversi modi per trattare una caria andiamoli a scoprire.

Otturazioni del dente

Il dentista usa un trapano e rimuove il materiale cariato da un dente dopodiché riempie il dente con una sostanza che può essere argento, oro o resina composita.

Corone

Per il decadimento più grave il dentista può posizionare un cappuccio personalizzato sul dente per sostituire la sua corona naturale, infatti egli rimuoverà il materiale dentale cariato prima di iniziare questa procedura.

Canale di radice

Quando la carie provoca la morte dei nervi il dentista eseguirà un canale radicolare per salvare i denti. Andrà a rimuovere il tessuto nervoso, i tessuti dei vasi sanguigni e tutte le aree cariate del dente, successivamente controlla quindi le infezioni e applica i farmaci alle radici secondo necessità. Alla fine riempie il dente e potrebbe persino collocarvi una corona.

Trattamento in fase iniziale

Se il dentista rileva una caria del dente nella sua fase iniziale un trattamento al fluoro può ripristinare lo smalto dei denti e prevenire ulteriori carie.

Come affrontare il dolore e il disagio che causano le carie?

Le carie possono essere causa di molto dolore e disagio ci sono alcuni modi per lenire l’irritazione mentre si aspetta l’appuntamento con il proprio dentista sono i seguenti:

  • Continuare ad avere una regolare igiene orale spazzolando e pulendo tutte le parti della bocca, comprese le aree sensibili;
  • Fare uso di antidolorifici da banco tramite consenso del dentista;
  • Evitare di mangiare cibi o bere bevande estremamente fredde o calde.

Complicazioni che possono portare le carie dentali

Le carie dentali possono portare a complicazioni se non vengono trattate come:

  • Normale dolore che già si avverte;
  • Un ascesso dentale che può essere infettato e che può innescare complicazioni potenzialmente letali come un’infezione che entra nel flusso sanguigno o sepsi;
  • Sviluppo del pus attorno al dente infetto;
  • Maggior rischio di rompere o scheggiare un dente;
  • Difficoltà a masticare il cibo.

Se le carie non vengono trattate si possono causare danni al dente irreversibili quindi è consigliato di non rimandare l’appuntamento con il proprio dentista, nel caso il dente non è più curabile si procede alla rimozione del dente e alla sua sostituzione con un impianto o un ponte.

Prevenire la formazione delle carie dentali o almeno ridurne il rischio è possibile vediamo come poter fare.

Prevenzione delle carie dentali

Le carie dei denti sono un problema comune ma si può ridurre il rischio effettuando le seguenti operazioni:

  • Lavarsi i denti almeno due volte al giorno con un dentifricio al fluoro;
  • Mangiare meno cibi zuccherati e acidi come dolci, caramelle, succo di frutta, soda e carboidrati raffinati;
  • Limitare gli spuntini tra i pasti.

I seguenti alimenti possono aiutare a combattere la carie:

  • Frutta e verdura ricca di fibre;
  • Alimenti ricchi di calcio;
  • Chewing gum senza zucchero allo xilitolo;
  • Tè nero o verde non zuccherato;
  • Acqua con fluoro.

Inoltre è consigliato avere almeno due appuntamenti all’anno con il proprio entista per eseguire una pulizia regolare dei denti così da evitare e aiutare a prevenire futuri problemi dentali.

Summary
Carie
Description
Una cavità chiamata anche carie è un foro che si forma nel dente, all'inizio sono di piccole dimensioni ma man mano se non curate diventano gradualmente più grandi. Le carie non causano dolore all'inizio per questo può essere difficile rendersi conto della loro presenza.
Author
Publisher Name
Oghers
Publisher Logo