Cos’è l’anoressia?

Cos’è l’anoressia?

15 Maggio 2018 0 Di Tello

Molte persone si preoccupano di prendere troppo peso, ma in alcune la preoccupazione diventa ossessiva, determinando una condizione chiamata anoressia nervosa, essa a differenza della Bulimia dove il soggetto mangia fino a vomitare, talvolta anche indotto, qui fa astinenza di cibo. (Aprofondisci le differenze)

L’anoressia nervosa è un disturbo alimentare che può causare gravi perdite di peso, infatti in questa condizione il soggetto è preoccupato dell’apporto calorico e del peso.

Le persone con anoressia nervosa seguono una dieta a bassissimo contenuto calorico ed hanno una paura eccessiva di ingrassare, infatti, spesso si sentono meglio con se stessi quando perdono peso, inoltre possono anche esercitarsi eccessivamente. L’anoressia è più comunemente diagnosticata nelle adolescenti, anche se è stata diagnosticata nelle donne più anziane, più giovani e negli uomini.

Riconoscendo i sintomi dell’anoressia nervosa

Le persone che soffrono di anoressia nervosa perdono peso mantenendolo estremamente basso in modi diversi, infatti, mettono severe restrizioni sul loro apporto calorico o si esercitano in modo eccessivo. Alcuni usano un metodo di abbuffata e spurgo simile a quello usato da quelli con bulimia, altri usano lassativi, vomito o diuretici per liberarsi dalle calorie.

Se hai l’anoressia nervosa, i tuoi sintomi possono includere:

  • incapacità di mantenere un peso normale;
  • fatica;
  • insonnia (approfondisci);
  • la pelle è gialla o macchiata e ricoperta di peli morbidi e fini;
  • i capelli si assottigliano o cadono;
  • stipsi;
  • più di tre cicli senza un punto;
  • pelle secca;
  • bassa pressione sanguigna.

È inoltre possibile notare comportamenti come:

  • esercizio eccessivo;
  • spingere il cibo attorno al piatto invece di mangiarlo o tagliare il cibo in piccoli pezzi;
  • irritabilità;
  • ritiro dalle attività sociali;
  • umore depresso;
  • negazione della fame;
  • uso di diuretici, lassativi o pillole dimagranti.

Quali sono le cause di anoressia nervosa?

La causa esatta dell’anoressia nervosa non è nota e le persone che la sviluppano possono avere un’immagine del corpo negativa, potrebbero essere focalizzati sull’essere “perfetti” o essere alla ricerca di modi per controllare le loro vite, infatti si ritiene che altri fattori come la biologia, l’ambiente e la psicologia svolgano un ruolo.

Biologia

La genetica e gli ormoni potrebbero avere un effetto sullo sviluppo dell’anoressia nervosa, infatti, alcune prove suggeriscono un legame tra anoressia e serotonina, ovvero l’ormone della felicità, una sostanza chimica prodotta nel cervello.

Ambiente

La pressione dalla società sull’essere magri può influire contribuendo allo sviluppo dell’anoressia nervosa, altra fonte di influenza è data dalle immagini del corpo non realistiche stampate su riviste o viste in televisione suscitando il desiderio di essere magri.

Psicologia

Qualcuno con disturbo ossessivo-compulsivo (OCD) potrebbe essere più predisposto a mantenere la dieta rigorosa e il regime di esercizio fisico che spesso mantengono quelli con anoressia nervosa. Questo perché le persone con DOC sono inclini a ossessioni e compulsioni.

Come viene diagnosticata l’anoressia nervosa?

Il tuo medico di base eseguirà un esame fisico per controllare sia la pressione che la frequenza cardiaca, inoltre provvederà ad un esame psicologico o ti indirizzerà da un professionista della salute mentale, il quale ti chiederà delle tue abitudini alimentari.

Cercheranno tutti i criteri che mostrano:

  • la limitazione dell’assunzione di cibo;
  • la paura di ingrassare;
  • problemi con l’immagine del corpo.

Il medico può ordinare determinati test di laboratorio, tra i quali, esami del sangue, con i quali può controllare i livelli di elettroliti e la funzionalità del fegato e reni, inoltre, lo specialista può verificare la densità ossea e individuare eventuali irregolarità cardiache.

Altri test di laboratorio potrebbero essere prescritti per escludere altre possibili cause di perdita di peso, come la celiachia e la malattia infiammatoria intestinale.

Quale trattamento è disponibile per l’anoressia nervosa?

Uno degli ostacoli peggiori è il non ammettere di avere il problema e quindi di non avere bisogno di aiuto, ciò può rendere difficile in trattamento, quale ha come obiettivo principale quello di riportare il corpo a un peso normale stabilendo le normali abitudini alimentari.

Un dietologo potrà aiutarti insegnandoti a mangiare correttamente, inoltre per rendere ancora più efficace il trattamento qualora sia necessario, potrebbe essere raccomandato che la tua famiglia partecipi alla terapia, poiché per molte persone, l’anoressia nervosa è una sfida che dura tutta la vita.

Terapia

Tu e la tua famiglia dovete lavorare sodo per combattere l’anoressia nervosa e terapie individuali, familiari e di gruppo sono spesso parte integrante del trattamento.

Terapia individuale

Una forma di terapia chiamata terapia comportamentale cognitiva è spesso usata per trattare l’anoressia nervosa. La CBT aiuta a cambiare pensieri e comportamenti non salutari e Il suo obiettivo è quello di aiutarti ad imparare ad affrontare forti emozioni e costruire una sana autostima.

Terapia familiare

La terapia familiare coinvolge i membri della famiglia per mantenerti in linea con un’alimentazione e uno stile di vita sani, inoltre la terapia familiare aiuta anche a risolvere i conflitti all’interno della famiglia e può aiutare a creare supporto per i familiari che imparano ad affrontare l’anoressia nervosa.

Terapia di gruppo

La terapia di gruppo consente alle persone con anoressia nervosa di interagire con altre persone che hanno lo stesso disturbo, anche se a volte può portare alla competizione sul chi è più magro, infatti, per evitare ciò, è importante frequentare una terapia di gruppo guidata da un medico qualificato.

Medicazione

Non esistendo alcun farmaco in questo momento che ha dimostrato di trattare l’anoressia nervosa, gli antidepressivi possono essere prescritti per affrontare l’ansia e la depressione comuni in quelli con anoressia. Questi potrebbero farti sentire meglio, anche se non diminuiscono il desiderio di perdere peso.

Ricovero

A seconda della gravità della perdita di peso, il medico di base potrebbe voler rimanere in ospedale per alcuni giorni per curare gli effetti della malattia e se il tuo peso è troppo basso potresti essere nutrito per via endovena. Se continui a rifiutare di mangiare o ad esporre problemi psichiatrici, il medico potrebbe farti ricoverare in ospedale per un trattamento intensivo.

L’Anoressia nel lungo termine

Molte persone si riprendono dall’anoressia, anvhe se in alcuni la condizione può essere mortale. Altri ancora potrebbero continuare a sviluppare altri disturbi alimentari e per alcune persone, superarla richiede cure e trattamenti per tutta la vita. Unirsi a un gruppo di sostegno per l’anoressia può contribuire ad aumentare le probabilità di recupero.

L’Anoressia nervosa può essere prevenuta?

Non esiste un metodo comprovato per prevenire l’anoressia nervosa, ma cercare i sintomi del disturbo può aiutare a trattarla nello stadio embrionale in modo da risultare più semplice. Se noti questi sintomi in una persona cara ossessionata dal peso, dall’esercizio eccessivo o dall’essere insoddisfatta del loro aspetto, dovresti aiutarla volendo cercare un aiuto professionale.

approfondisci l’argomento

Summary
cos-e-l-anoressia
Article Name
Cos'è l'anoressia?
Description
Molte persone si preoccupano di prendere troppo peso, ma in alcune la preoccupazione diventa ossessiva, determinando una condizione chiamata anoressia nervosa, essa a differenza della Bulimia dove il soggetto mangia fino a vomitare, talvolta anche indotto, qui fa astinenza di cibo.
Author
Publisher Name
Oghers
Publisher Logo