Cos’è un’ernia diaframmatica

Il diaframma è una barriera muscolare a forma di cupola tra il torace e le cavità addominali, esso separa il cuore e i polmoni dagli organi addominali (stomaco, intestino, milza e fegato).

Un’ernia diaframmatica si verifica quando uno o più organi addominali si muovono verso l’alto nel petto attraverso un difetto (apertura) nel diaframma.

Questo tipo di difetto può presentarsi alla nascita o nell’arco della vita e qualora dovesse manifestarsi è da ritenersi un’emergenza medica di pronto intervento per correggerla con un intervento chirurgico.

Leggi cosa dice l’Ospedale Pediatrico “Bambino Gesù”

Quali sono le cause di un’ernia diaframmatica?

Un’ernia diaframmatica congenita (CDH) è dovuta allo sviluppo anormale del diaframma di un feto durante la sua formazione, dove uno o più organi addominali muovendosi nel petto vanno ad occupare lo spazio dove dovrebbero essere i polmoni, i quali poi non possono svilupparsi correttamente, anche sè nella maggior parte dei casi, questo riguarda solo un polmone.

Un’ernia diaframmatica acquisita (ADH) è solitamente il risultato di una lesione ottusa o penetrante, dovuta ad incidenti stradali o cadute. Le ferite penetranti sono solitamente dovute a ferite da arma da fuoco, e raramente, l’ernia diaframmatica può verificarsi senza una ragione nota o senza diagnosticarla per un lungo periodo di tempo, fino a quando diventa grave da causare sintomi.

Quali sono i fattori di rischio per un’ernia diaframmatica?

La maggior parte delle ernie diaframmatiche congenite sono idiopatiche; la loro causa è sconosciuta. Si ritiene che una combinazione di diversi fattori conduca al loro sviluppo, come anomalie cromosomiche e genetiche, esposizioni ambientali e problemi nutrizionali..

I seguenti fattori possono aumentare il rischio di un’ernia diaframmatica acquisita:

  • lesioni e ferite a causa di un incidente stradale;
  • procedure chirurgiche sul torace o sull’addome;
  • cadute che colpiscono la regione del diaframma;
  • ferita da taglio;
  • ferite da arma da fuoco.

Quali sono i sintomi di un’ernia diaframmatica?

La gravità dei sintomi con un’ernia diaframmatica può variare a seconda delle dimensioni, della causa e degli organi coinvolti.

Respirazione difficoltosa

Questa è un sintomo molto grave derivato da una condizione congenita dove il polmone non si è sviluppato in maniera corretta o da un’ernia del diaframma acquisita che causa un malfunzionamento dei polmoni dovuto allo spostamento e alla compressione di alcuni organi su di essi.

Tachipnea (respirazione rapida)

I polmoni lavorano ad un ritmo molto elevato per compensare la mancanza di ossigeno nell’organismo.

Decolorazione blu della pelle

Quando il corpo non riceve abbastanza ossigeno dai polmoni, può far apparire la pelle blu ( cianosi ).

Tachicardia (battito cardiaco accelerato)

Il cuore può pompare più rapidamente del normale per cercare di rifornire il tuo corpo di sangue ossigenato.

Suoni del respiro diminuiti o assenti

Questo sintomo è comune nel caso di un’ernia congenita perché uno dei polmoni del bambino potrebbe non essersi formato correttamente e ciò potrebbe far si ché i suoni del respiro sul lato affetto saranno assenti o molto difficili da sentire.

Suoni intestinali nella zona del petto

Ciò si verifica quando l’intestino si sposta nella cavità toracica.

Addome mezzo vuoto

L’addome al tocco potrebbe sembrare vuoto e ciò è dovuto al fatto che gli organi addominali vengono spinti verso l’alto nella cavità toracica.

Come viene diagnosticata un’ernia diaframmatica?

I medici possono di solito diagnosticare un’ernia diaframmatica congenita prima della nascita del bambino, infatti, circa la metà dei casi viene rivelata durante un esame ecografico del feto.

Dopo la nascita, durante alcuni esami possono comparire le seguenti anomalie:

  • movimenti anormali del torace;
  • respirazione difficoltosa;
  • decolorazione blu della pelle (cianosi);
  • il respiro è presente solo su un lato del torace;
  • rumori intestinali nel petto;
  • l’addome potrebbe risultare mezzo vuoto.

I seguenti test sono in genere sufficienti per diagnosticare l’ernia sia congenita che acquisita:

Raggi X

L’ecografia (usa le onde sonore per produrre immagini delle cavità toracica e addominale e dei loro contenuti), la TAC (consente la visualizzazione diretta degli organi addominali), il test del sangue ematico (prelevamento del sangue direttamente da un’arteria e test dei livelli di ossigeno, anidride carbonica e acidità o livello del pH) o una risonanza magnetica (per una valutazione più mirata degli organi specialmente nel feto).

Come viene trattata un’ernia diaframmatica?

Sia le ernie diaframmatiche congenite che acquisite richiedono in genere un intervento chirurgico urgente, la quale deve essere eseguita per rimuovere gli organi addominali dal torace e rimetterli nell’addome, in modo che il chirurgo possa poi riparare il diaframma.

Con un’ernia congenita, i chirurghi possono eseguire un intervento già da 48 a 72 ore dopo la nascita del bambino, in base alla gravità del problema.

Il primo passo è stabilizzare il bambino e aumentare i suoi livelli di ossigeno, ciò è possibile grazie ad una varietà di farmaci e tecniche utilizzate per aiutare la stabilizzazione del bambino aiutandolo con la respirazione.

Questi bambini vengono curati al meglio in un centro con un’unità di terapia intensiva neonatale altamente specializzata (NICU). Una volta che il bambino si è stabilizzato, può accingersi ad un intervento chirurgico.

Con un’ernia acquisita, il paziente deve essere stabilizzato prima dell’intervento chirurgico, poiché la maggior parte dei casi sono dovuti a lesioni, quindi potrebbero esserci altre complicazioni come il sanguinamento interno, pertanto, l’intervento dovrebbe avvenire il prima possibile.

Come si può prevenire un’ernia diaframmatica?

Attualmente non esiste un modo per prevenire l’ernia diaframmatica congenita, ma una cura prenatale precoce e regolare durante la gravidanza è importante per aiutare a rilevare il problema prima della nascita. Ciò consente una corretta pianificazione e cura prima, durante e dopo la nascita.

Alcune misure preventive di base che possono aiutare a evitare questo tipo d’ernia durante la vita sono:

  • Guidare in maniera tranquilla, indossando sempre la cintura di sicurezza;
  • evitare le attività che ti rendono incline a gravi ferite al torace o all’addome, come gli sport estremi;
  • limitare l’alcol ed evitare l’uso di droghe che possono indurti ad incidenti.
  • esercitare cautela in presenza dioggetti appuntiti, come coltelli e forbici.

Qual è la prospettiva a lungo termine per l’ernia diaframmatica?

Per le situazioni congenite dipende da quanto sono danneggiati i polmoni e dalla gravità del coinvolgimento di altri organi.

Secondo la ricerca attuale, il tasso di sopravvivenza globale per le ernie diaframmatiche congenite è del 70-90 percento.

Mentre per chi è vittima di questa situazione il tasso di sopravvivenza si correla direttamente con il tipo di lesione, età e salute generale dell’individuo, così come la gravità dell’ernia in base alle dimensioni e agli altri organi coinvolti.

Summary
ernia-diaframmatica
Article Name
Cos'è un'ernia diaframmatica
Description
Un'ernia diaframmatica si verifica quando uno o più organi addominali si muovono verso l'alto nel petto e può essere congenita o acquisita.
Author
Publisher Name
Oghers
Publisher Logo