Epstein Barr Virus – EBV

Epstein Barr Virus – EBV

2 Gennaio 2018 4 Di Tello

Circa il 90/95% della popolazione mondiale ha avuto almeno una volta un contatto col virus EBV esso appartenente alla famiglia degli Herpesvirus, il Virus Epstein Barr (Herpes Human Virus 4 o HHV oppure EBV)  è un virus a DNA appartenete alla stessa famiglia Herpesvirus causa di Varicella, Herpes genitale e labiale, Mononucleosi infettiva e Fuoco di Sant’Antonio.

Esso è anche causa iniziale di patologie potenzialmente mortali, infatti alcune malattie tumorali siano relazionate al virus in questione, come la carcinoma nasofaringeo, linfoma di Hodgkin e Burkitt e linfomi del sistema nervoso centrale assciati all’HIV.

l’EBV è presente nelle secrezioni orofaringee e viene trasmesso attraverso la saliva o tramite in casi molto rari con un contatto sessuale, esso è ospitato esclusivamente dagli esseri umani.

Il virus comincia a moltiplicarsi dopo un’iniziale inoculazione nelle cellule epiteliali nasofaringee, esso giunge in un primo tempo nei linfonodi e nelle ghiandole salivari dei tessuti orofarinfei e successivamente nei linfociti B e del sangue periferico nel sistema linforeticolare, giungendo dunque nel fegato e milza.

Due sono i ceppi del virus Epstein Barr identificati, EBV-1 ed EBV-2 noti come EBV di tipo A e B, essi hanno delle lievi differenze.

L’Epstein Barr guida le infezioni su due meccanismi ovvero il Ciclo Litico e il Ciclo latente o lisogeno.

Il primo ciclo quello Litico è dove il virus entra nella cellula linfocita B ed inserisce il proprio genoma producendo nuovi virioni composti da proteine e acido nucleico, essi a questo punto sono libero di infettare tutte le cellule vicine espandendo il virus nell’organismo.

Nel caso del ciclo lisogeno o latente il virus inietta il proprio genoma direttamente nel DNA della cellula restando in uno stato di latenza prendendo il nome di provirus, quest’ultima trasmettera il virus alle cellule figlie che andrà poi creando senza produrre cellule virali come nel primo ciclo. Questa latenza può durare anche molto tempo a tal punto da non svilupparsi mai.

In molti soggetti portatori del virus, esso non genera alcun danno, in altri sviluppa la mononucleosi infettiva e in rarissimi casi alcuni tumori maligni, ciò dipende dall’integrità del sistema immunitario dell’ospite, infatti, i pazienti che soffrono di grave compromissione del sistema immunitario, malati di AIDS e trapiantati sono più sensibili allo sviluppo del virus.

C’è da dire che le cause dell’attivazione del virus sono svariate come il forte stress, fautore dell’indebolimento del sistema immunitario, prolungata esposizione al sole o freddezze, ecc…

Come curare l’EBV

Non esiste una cura per l’Epstein Barr virus o meglio esso resta latente nell’organismo con la possibilità di non manifestarsi mai, in tal caso esso dovesse manifestarsi ci si deve basare sul riposo ed il recupero dei liquidi, l’utilizzo di antibiotici  è inutile poiche si tratta di un’infezione virale. La terapia antibiotica può rivelarsi utile per curare le infezioni secondarie come mal di gola associata alla mononucleosi. Per la tutela si consiglia di avvalersi del proprio medico.

Durate il periodo di malattia è consigliabile bere succhi di frutta e acqua per evitare la disidratazione e per alleviare la febbre.

Summary
epstein-barr-virus
Article Name
Epstein Barr Virus - EBV
Description
Epstein barr virus: cos'è questo virus causa di mononucleosi infettiva? quali sono i sintomi di questa malattia e la cura?
Author
Publisher Name
Oghers
Publisher Logo