Ostruzione del dotto biliare

Ostruzione del dotto biliare

28 Marzo 2018 2 Di Pablos

Che cos’è l’ostruzione del dotto biliare

Lostruzione del dotto biliare è un blocco dello stesso, i dotti biliari trasportano la bile dal fegato e dalla cistifellea attraverso il pancreas al duodeno che è una parte dell’intestino tenue. La bile è un fluido di colore verde scuro o giallastro, secreto dal fegato per digerire i grassi. Dopo aver mangiato la cistifellea rilascia la bile per aiutare la digestione e l’assorbimento dei grassi, quest’ultima aiuta anche a ripulire il fegato dai rifiuti.

L’ostruzione di uno qualsiasi di questi dotti biliari viene definita ostruzione biliare. Molte delle condizioni relative alle ostruzioni delle vie biliari possono essere trattate con successo, tuttavia se il blocco non viene trattato per molto tempo può portare a malattie del fegato potenzialmente letali.

Ora vediamo i diversi tipi di dotti biliari.

Tipi di dotti biliari

CI sono diversi tipi di dotti biliari, i due tipi di dotti biliari nel fegato sono i dotti intraepatici e extraepatici vediamoli nello specifico:

  • Dotti intraepatici: i dotti intraepatici sono un sistema di tubi più piccoli all’interno del fegato che raccolgono e trasportano la bile ai dotti extraepatici.
  • Dotti extraepatici: i dotti extraepatici iniziano come due parti una a destra del fegato e l’altra a sinistra, mentre discendono dal fegato si uniscono per formare il dotto epatico comune questo corre direttamente verso l’intestino tenue.
  • Il dotto biliare o il dotto dalla cistifellea si apre anche nel dotto epatico comune il dotto biliare da questo punto in poi è noto come il dotto biliare comune o coledoco, prima di svuotarsi nell’intestino tenue il dotto biliare comune passa attraverso il pancreas.

Che cosa causa questa ostruzione dei dotti biliari? Scopriamolo

Cosa causa l’ostruzione biliare?

Un’ostruzione biliare può essere causata da una serie di fattori che riguardano:

  • Dotti biliari;
  • Fegato;
  • Cistifellea;
  • Pancreas;
  • Intestino tenue.

Le seguenti sono alcune delle cause più comuni di ostruzione biliare:

  • Calcoli biliari che sono la causa più comune;
  • Infiammazione dei dotti biliari;
  • Trauma;
  • Una stenosi biliare che è un anormale restringimento del dotto;
  • Cisti;
  • Linfonodi ingrossati;
  • Pancreatite;
  • Una lesione legata alla cistifellea o alla chirurgia epatica;
  • Tumori che hanno raggiunto il fegato, la cistifellea, il pancreas o i dotti biliari;
  • Infezioni compresa l’epatite;
  • Parassiti;
  • Cirrosi o cicatrici del fegato;
  • Grave danno al fegato;
  • Cisti choledochal (presente nei neonati alla nascita).

Quelle sopra citate sono le cause più comuni che possono causare l’ostruzione biliare, ora però andiamo a vedere quali sono i fattori di rischio.

Quali sono i fattori di rischio?

I fattori di rischio per l’ostruzione biliare di solito dipendono dalla causa dell’ostruzione, la maggior parte dei casi è il risultato di calcoli biliari, ciò rende le donne più vulnerabili allo sviluppo di un’ostruzione biliare.

Ci sono altri fattori di rischio che includono:

  • Precedenti calcoli biliari;
  • Pancreatite cronica;
  • Cancro del pancreas;
  • Lesione alla parte destra dell’addome;
  • Obesità;
  • Rapida perdita di peso;
  • Condizioni legate alla rottura dei globuli rossi, come l’anemia falciforme.

Dopo i fattori di rischio passiamo a vedere i sintomi che si avvertono quando si soffre dall’ostruzione biliare.

Quali sono i sintomi dell’ostruzione biliare?

I sintomi dell’ostruzione biliare possono dipendere dalla causa dell’ostruzione di solito si avvertono i seguenti sintomi:

  • Colore chiaro delle feci;
  • Urina scura;
  • Colore giallastro della pelle o degli occhi anche chiamato ittero;
  • Prurito;
  • Dolore nella parte superiore destra dell’addome;
  • Nausea;
  • Vomito;
  • Perdita di peso;
  • Febbre.

Bisogna stare attenti se si avvertono questi sintomi e consultare subito un medico così da avere un parere di un esperto. Ora andiamo a vedere come diagnosticare un’ostruzione biliare.

Come viene diagnosticata un’ostruzione biliare?

Sono disponibili vari test per le persone che potrebbero avere un’ostruzione biliare ciò varia in base alla causa dell’ostruzione, il medico può raccomandare uno o più dei seguenti test.

Esame del sangue

Un esame del sangue include un esame emocromocitometrico completo (CBC) e un test di funzionalità epatica, le analisi del sangue possono solitamente escludere determinate condizioni quali:

  • Colecistite non è altro che un’infiammazione della stessa;
  • Colangite che è un’infiammazione del dotto biliare comune;
  • Aumento del livello di bilirubina coniugata un prodotto di scarto del fegato;
  • Un aumento del livello degli enzimi epatici;
  • Un aumento del livello di fosfatasi alcalina;

Ognuno di queste condizioni può indicare una perdita di flusso biliare. Un altro test è l’ecografia

Ecografia

L’ecografia è di solito il primo test eseguito su chiunque sia sospettato di un’ostruzione biliare visto che essa permette al medico di vedere facilmente i calcoli biliari.

Scansione di radionuclidi biliari (scansione HIDA)

Una scansione dell’acido immodemico epatobiliare o scansione HIDA viene anche indicata come scansione di radionuclidi biliare, questa scansione usa materiale radioattivo per fornire preziose informazioni sulla colecisti e su eventuali ostacoli.

Colangiografia

Una colangiografia è una radiografia dei dotti biliari (coledoco, dotto cistico, dotto epatico e colecisti, ovvero tutti i canali che vengono attraversati dalla bile), in questo esame viene somministrato un liquido di contrasto radio opaco e serve a verificare la struttura, le funzionalità e se ci sono patologie delle vie biliari.

Tomografia a risonanza magnetica (MRT)

Una scansione MRT o semplicemente risonanza magnetica RM è una tecnica che genera immagini quindi è usata prevalentemente a fini diagnostici e fornisce immagini dettagliate del fegato, della cistifellea, del pancreas e dei dotti biliari e quindi è ottima per capire se ci sono ostruzioni o meno.

Colangiopancreatografia a risonanza magnetica (MRCP)

La colangiopancreatografia a risonanza magnetica (MRCP) viene utilizzata per la diagnosi di ostruzioni biliare e malattia pancreatica, questa procedura viene utilizzata per determinare se c’è la presenza di calcoli biliari in un qualsiasi condotto circostante la cistifellea.

Colangiopancreatografia retrograda endoscopica (ERCP)

Una colangiopancreatografia retrograda endoscopica (ERCP) comporta l’uso di un endoscopio e una radiografia è sia uno strumento diagnostico che terapeutico e permette al chirurgo di vedere i dotti biliari, in più è anche usato nel trattamento dell’ostruzione. Questo strumento è particolarmente utile perché il medico può utilizzarlo per rimuovere le pietre e prendere campioni di biopsia se necessario.

Vediamo come trattare l’ostruzione biliare.

Qual è il trattamento per l’ostruzione biliare?

Il trattamento dell’ostruzione è volto a correggere la causa sottostante, l’obiettivo principale del trattamento medico o chirurgico è di alleviare il blocco, alcune delle opzioni di trattamento comprendono una colecistectomia e un colangiopancreatografia (ERCP).

La colecistectomia è la rimozione della cistifellea nel caso ci sono calcoli biliari, mentre la colangiopancreatografia può essere sufficiente per rimuovere piccole pietre dal dotto biliare comune o per posizionare uno stent all’interno del condotto per ripristinare il flusso biliare, questo è spesso usato nei casi in cui l’ostruzione è causata da un tumore.

Si possono avere delle complicazioni se l’ostruzione non viene trattata, andiamo a vedere quali.

Complicazioni di un’ostruzione del dotto biliare

Senza trattamento le ostruzioni del dotto biliare possono essere pericolose per la vita e le possibili complicazioni che possono nascere senza fare alcun trattamento includono:

  • Accumulo pericoloso di bilirubina;
  • Infezioni;
  • Sepsi;
  • Malattia epatica cronica;
  • Cirrosi biliare.

Bisogna rivolgersi al proprio medico se si sviluppa l’ittero o si nota un cambiamento di colore delle feci o delle urine. Vediamo come prevenire l’ostruzione biliare

L’ostruzione biliare può essere prevenuta?

Prevenire l’ostruzione biliare è possibile di seguito vediamo alcuni consigli che si possono attuare per ridurre le possibilità di sviluppare un’ostruzione biliare:

  • Aumentare il consumo di quantità di fibre nella propria dieta;
  • Ridurre la quantità di zucchero e grassi saturi nella dieta visto che entrambi possono causare calcoli biliari;
  • Se si è in sovrappeso bisogna portare gradualmente il proprio peso in un range salutare in base ad alcuni parametri quali sesso, età e altezza.

Se si seguono i consigli sopra citati ci sono più possibilità di prevenire possibili ostruzioni comunque consigliamo sempre di consultare un esperto che vi potrà dare un riscontro più approfondito.

Summary
Ostruzione-del-dotto-biliare
Article Name
Ostruzione del dotto biliare
Description
L'ostruzione del dotto biliare è un blocco dello stesso, i dotti biliari trasportano la bile dal fegato e dalla cistifellea attraverso il pancreas al duodeno che è una parte dell'intestino tenue. La bile è un fluido di colore verde scuro o giallastro, secreto dal fegato per digerire i grassi.
Author
Publisher Name
Oghers
Publisher Logo